CARICAMENTO

Seguimi

PRATICO e VELOCE: BUSINESS CSI
10 marzo 2015|Casi pratici di MarketingPMI Eccellenti

PRATICO e VELOCE: BUSINESS CSI

  Tornare sul luogo del delitto ha un doppio significato oggi. Torno sul mio blog per parlare del motivo per cui non ho condiviso con voi altre esperienze in azienda. Insomma… cose per imprenditori.

Il motivo è semplice, per Natale, a un anno di distanza, ho scritto insieme alla super professionale Simona Lodolo un nuovo libro, BUSINESS CSI, il seguito di “Chi ha Ucciso il tuo cliente?“.

Lo stile, quindi, è sempre il giallo. Siamo partiti questa volta da un racconto di Sir Arthur Conan Doyle, esplorando sei aree aziendali che qualcunque start up o nuovo progetto “nuvo” dovrebbero considerare. Idee semplici, pratiche e che ti toglieranno un pò di pensieri la notte.

Tutto qui? Certo, semplice e veloce da leggere, basta scaricarlo da itunes Store qui http://bit.ly/1Da17xu , oppure da Amazon qui http://amzn.to/1GsPTI6. L’editore è Engage, il prezzo solo 2,99€ che sono certo saranno ben spesi.

Ultima nota… nel frattempo il libro è già primo nella classifica di iTunes business!

 

Vuoi saperne di più? Contatta Gianni Vacca

Nessun commento
MANDI ANCORA EMAIL A CASO?
3 agosto 2014|Casi pratici di MarketingMarketing BasicWeb Marketing

MANDI ANCORA EMAIL A CASO?

 Questo topic è ad invito. Giusto ieri stavamo parlando assieme ad Antonella Fossati ci come le email siano indispensabili per farsi conoscere e… ricordare. Certo, ne vengono inviate tante ogni giorno, tuttavia se ti tiri fuori hai già deciso che una parte di pubblico, cioè di clienti, non conoscerà tutte le fantastiche offerte e possibilità che la tua azienda offre.

Sembra quasi uno strumento “antico”, quindi chiariamo subito un punto: non lo è! Ed ecco perché ho chiesto ad Antonella di scrivere questo articolo: tu hai mai pensato a creare un piano di email marketing per trovare clienti nuovi?

A lei la tastiera…

Sempre più spesso i contatti con il nostro target avviene via mailing: oltre 3.5 miliardi di persone al mondo possiedono un account di posta elettronica, o almeno uno. Una recente ricerca mostra come per ogni dollaro investito in email marketing, ne guadagnerà 21 (vedi email means more: http://business.tutsplus.com/articles/business-owners-why-email-matters-more-than-ever–cms-21425). Quindi  potrebbe essere vero che comunicare per mailing sembra sia la scelta migliore per far conoscere la tua azienda, i tuoi prodotti o servizi. Cosa aspetti a verificarlo?

Se hai già una lista di e-mail che identifica il tuo target (cioè una lista dei tuoi clienti), non ti resta che preparare una comunicazione appropriata tanto da suscitare interesse a chi la riceverà. Così semplice?

Beh l’ideale sarebbe conoscere i cosiddetti ‘elementi chiave’, ovvero quelle parole in cui il tuo target (i tuoi clienti) si indentifica. Se non le conosci, il modo più corretto per definirle è un sondaggio marketing (detta anche survey), proprio chiedendo al tuo mercato di riferimento. Cioè, guarda caso, sempre ai tuoi clienti!

Ma torniamo a come far rendere al meglio le tue email.

Se non hai già un elenco di e-mail di riferimento, dobbiamo fare un passo indietro. Sarà necessario cominciare a registrare tutti i passaggi nella tua attività fisica e anche virtuale, per esempio invitando i tuoi utenti a iscriversi a newsletter o similari direttamente dal tuo sito web. Mi rendo conto che se non esiste a monte un database di clienti e potenziali clienti, i tempi per trovare clienti nuovi solo con questa strategia si dilunghino parecchio. Per ovviare a ciò, è possibile richiedere l’estrapolazione di una specifica categoria di persone ad aziende dedicate.

A questo punto, recuperati gli indirizzi email attendibili, sei pronto per implementare il nostro piano di e-mail marketing per cui è necessario utilizzare il software di e-mail marketing. Perché? In primo luogo, perché l’utilizzo di un software consente di rispettare le leggi anti-spam. In secondo luogo, perché rende la gestione del processo di invio di massivo di e-mail molto più facile. Ci sono tante possibilità di scelta sul mercato e alcuni servizi includono anche i piani di avviamento gratuiti (MailChimp, Forever Free, AWeber, ElasticEmail, SendGrid, MailUp e ContactLab).

Bene, con la lista mailing davanti al tuo computer, la scelta del programma più idoneo alle tue esigenze, allora sei pronto per procedere. Ecco per te le fasi che ho identificato:

 

Fase 1: identifica i tuoi scopi di Email Marketing

Perché hai deciso di utilizzare le e-mail per il marketing? La motivazione è alla base per definire l’interesse del tuo target e anche del tipo di invio, oltre alla motivazione di fondo: incrementare fatturati. Vuoi promuovere un prodotto? Vuoi aumentare le tue visite al sito? Solo conoscendo bene i tuoi obiettivi puoi sviluppare una strategia efficace.

 

Fase 2: a chi scrivi?

Il passo successivo è quello di decidere a chi ti rivolgi. ‘Tutti’ non è una risposta ammessa, anche se la più frequente che sento dalle aziende… Devi definire, sesso, fascia di età (importantissima per il ‘gergo’ con cui scriverai), regione o Paesi e soprattutto aree di interesse. I temi trattati saranno cruciali per il coinvolgimento del tuo pubblico… anche in questa fase, se lo hai fatto, è basilare seguire i ‘elementi chiave’ emersi dal sondaggio

Vuoi ottimizzare la resa dell’invio? Chiedi al tuo target (clienti) cosa preferisce ricevere da te, di cosa avrebbero bisogno e come li puoi aiutare con le informazioni che arrivano dalla tua azienda.

 

Fase 3: ‘Più nomi!’

Ora che sapete chi volete sulla vostra lista, siete pronti per iniziare a farla crescere con più nomi. Qual è il modo migliore? Offri un incentivo al tuo pubblico a iscriversi. Per esempio, puoi creare una pagina sign-up sul tuo sito web che dice: “Iscriviti alla nostra newsletter per avere…” Più specifico sei e miri a ciò che interessa al tuo pubblico, più iscrizioni otterrai! Ti sembrerà strano, tuttavia più email invii e più saranno le possibilità di risposta da parte del mercato.

 

Fase 4: Sviluppa una “content strategy”

È necessario a questo punto definire un piano di contenuti continuativo e ben strutturato con link, video, articoli sui temi di interesse per il tuo pubblico. Ricorda: accattivare l’iscrizione o averlo in mailing list non è sufficiente, è necessario mantenere alto interesse e fidelizzarlo! Non pensare di mandare un paio di email all’anno, è completamente inutile!

Se siete a corto di idee, date una ‘sbirciatina’ alla concorrenza. Che tipi di contenuti utilizzano? Come si comportano, come comunicano?

Un ultimo passo nello sviluppare il tuo contenuto è decidere se potrai inviare testo semplice o e-mail HTML. Cosa sono?

  • Le e-mail in HTML sono ricche di immagini e permettono di costruire il riconoscimento del marchio inserendo il logo dell’azienda nella tua email. Tuttavia, vale la pena ricordare che le immagini a volte possono essere bloccate dal software di posta elettronica anti spam.
  • Le e-mail di testo sono senza grafica. Sembrano più come una e-mail personale, quindi sono buone per la costruzione di relazioni ma decisamente meno accattivanti e personalmente te lo sconsiglio! Aggiungi a poco testo diretto ed efficace un’immagine evocativa, che emozioni, che susciti l’interesse che vuoi suscitare nel pubblico.

Facile a dirsi? Devi provare e verificare passo dopo passo il gradimento del tuo invio… come? Tra poco arrivo anche a questa fase…

 

Passo 5: impostare l’invio

Hai deciso il tipo di email da inviare e hai una lista di email (quanto più numerosa possibile). Ora è il momento di fissare un programma di posta elettronica. Con che cadenza vuoi inviare la e-mail? L’importante è che sia regolare. Questo potrebbe essere giornaliera (sconsigliatissima!), settimanale o quindicinale (utile sono in rari casi) o mensile (consigliata!); pensa se tutte le aziende scrivessero con la tua frequenza… è importante perché se esageri, rischi anche disiscrizioni alla tua mailing list!

 

Fase 6: inviare l’email

Qualunque piattaforma tu abbia scelto, hai scritto il tuo indirizzo e-mail e controllato la corretta ortografia e la grammatica dell’oggetto e del testo? Sei pronto a inviare!

 

Fase 7: verifica i ritorni

Gran parte delle piattaforme, oltre a consentirti un invio massivo, ti consentono anche di verificare nei giorni seguenti l’andamento di aperture, chi ha aperto la tua mail, chi ci ha cliccato sopra, ma anche chi ha deciso di non leggerla o peggio ancora di disiscriversi. Anche se così fosse non ti devi scoraggiare. I prossimi passi sono:

  • Migliorare la comunicazione nella tua mail: sei stato incisivo? Hai usato i ‘bottoni’ corretti?
  • Contatta chi ha aperto più volte la tua mail e quindi ha riscontrato interesse! … su grossi numeri capisco che sia oneroso, ma è il compito di un buon Customer care… altrimenti perché le inviamo le mail?
  • Aggiorna la tua mailing list sempre ad ogni invio: oltre a cancellare gli eventuali disiscritti, inizi a parlare anche alle nuove persone che si sono iscritte più di recente.

Pronto a usare l’email marketing da vero professionista? Se vuoi saperne di più, contatta Gianni Vacca

Nessun commento
COSA TE NE FAI DI UN CLIENTE PERSO?
2 marzo 2014|Casi pratici di MarketingMarketing Basic

COSA TE NE FAI DI UN CLIENTE PERSO?

  Mi capita sempre più spesso imbattermi in aziende concentrate a trovare clienti nuovi e non curarsi minimamente di quelli persi, ovvero non si interessano  per niente di capire perché non hanno più scelto ‘i prodotto/servizi della loro azienda’. In pratica sono aziende che creano un sistema di business che punta allo spreco (dei clienti), aiutando come logica conseguenza i numerosi concorrenti presenti sul mercato.

Scavando poi tra questi nomi ‘caduti’ nel dimenticatoio, tramite un sondaggio ad hoc, emerge che buona parte di questi clienti non sono affatto ‘persi’. Li dovremo definire ‘dormienti’, ovvero clienti che non hanno un vero motivo verso l’azienda da cui si servivano, anzi, sarebbero disposti a sceglierla nuovamente! Certo, non appena l’imprenditore e i suoi uomini (commerciali) si facciano vivi!

Per cui si tratta di una buona fetta di veri e propri potenziali clienti che potrebbero ancora ordinare (tornando ‘attivi’) e su cui dovresti continuare le stesse azioni di marketing e operazioni commerciali rivolte ai nuovi clienti! E tu, ci hai mai pensato?

Ecco 3 punti che ti consiglio di applicare subito in azienda:

  1. Prova a includere nelle tue comunicazioni i vostri clienti ‘dormenti’, ovviamente inviando loro un messaggio ad hoc (ti conoscono già!).
  2. Inserisci una figura dedicata al Customer care per ‘sondare’ perché sono persi (e soprattutto se lo sono davvero!).
  3. Crea un sondaggio sui clienti persi (che tu ritieni tali) e poi usa i dati ottenuti per ampliare la tua ‘fetta’ di potenziali clienti. Potresti avere in mano una miniera d’oro e non saperlo…

Sono certo che analizzare i clienti dormienti (o persi) ti permetta di trovarne di nuovi!

Vuoi un supporto per questa analisi nella tua azienda? Contatta Gianni Vacca!

Nessun commento
UNA CANTINA COSì NON SI ERA MAI VISTA!
19 ottobre 2013|Casi pratici di MarketingEventiMarketing Video

UNA CANTINA COSì NON SI ERA MAI VISTA!

UNA CANTINA COSì NON SI ERA MAI VISTA!

  Oggi ti scrivo di un caso di marketing reale.

Hai mai pensato di lasciare un segno significativo nel tuo settore? Dare un segnale distintivo della filosofia che segue la tua azienda? O semplicemente consolidare il tuo brand e trovare clienti nuovi?

  Mamete Prevostini, azienda vinicola in provincia di Sondrio, in Valtellina, lo ha fatto inaugurando in grande stile la nuova cantina a Postalesio (SO), la prima cantina certifica CasaClima Wine della Lombardia, affidandosi al team di pLAYmARKETING by OSM1816!

Oltre sei mesi di preparativi, comunicazione su tutti i canali, tradizionali e web 2.0. Il marketing design non è improvvisazione!

Sono stati coinvolti influenzatori del settore enogastronomico, ristoratori, enoteche, il grande pubblico degli appassionati di vino, personaggi famosi (come Marco Tardelli e Luciano Castellini), clienti attivi e i potenziali di Mamete Prevostini e le maggiori autorità locali e in materia: l’Assessore all’Agricoltura, all’Ambiente e alle Aree protette; il Vicedirettore e Responsabile del settore tecnico dell’Agenzia CasaClima di Bolzano e Cristina Galbusera, Presidente di Confindustria Sondrio. Oltre 1000 ospiti che sono stati accolti nella nuova cantina, per un evento unico che ha suscitato un interesse mai registrato finora in Valtellina.

All’interno si è svolta anche uno spettacolo all’interno delle cisterne della cantina a cura del gruppo Was ist Das e soprattutto è avvenuta la premiazione dell’Art Contest “Scendi in Cantina” che ha visto i ragazzi del Liceo Artistico di Morbegno impegnati in 19 progetti dedicati alla nuova etichetta che vedrà la luce per celebrare l’evento.

Come raccontare tutto in un minuto? Ecco il video realizzato assieme al team di Webvideos di Elisa Valt:

Riportiamo di seguito solo alcuni dei numerosi commenti che l’azienda sta ricevendo dopo l’evento:

  • “Un segnale importante per tutta la vitivinicoltura valtellinese che oggi ospita la prima cantina CasaClima Wine della Lombardia, la terza realtà in tutta Italia!”
  • “Voglio farvi i complimenti per l’inaugurazione della Vs. Nuova cantina di Postalesio. Un evento in grande stile, molto raffinato, ben lontano dello standard ‘locale’”
  • “In Valtellina al massimo si erano visti eventi da 200 persone, giusto quelli organizzati dalle banche…”
  • “Una cantina così, non si era mai vista!”

L’evento è stato inoltre ripreso sia prima, durante che dopo dalla stampa: quotidiani locali e nazionali, riviste del settore enogastronomico, blog, social media, web, televisioni e radio… un vero successo!

Vuoi saperne di più? Contatta Gianni Vacca

Nessun commento
2012: MARKETING DA TOP PLAYER
1 gennaio 2013|Casi pratici di MarketingMarketing Basic

2012: MARKETING DA TOP PLAYER

  Adesso che le lancette sono arrivate al 2013, è il momento dei bilanci per salutare il 2012. Che cosa ho fatto nel corso di quest’ultimo anno? Quali azioni di marketing possono ispirarti per capire come trovare clienti e aumentare i fatturati.

 

Ovviamente con il marketing, che altro? Tuttavia fatto da top player, da veri specialisti del settore!

Ecco la vera storia di (alcuni) dei progetti del 2012 che hanno guidato Open Source Management e Playmarketing assieme:

Gennaio 2012 è stato il momento dell’apertura del ristorante BeFed di Padova. Ossia come trasformare l’apertura di un ristorante in un evento mediatico che oltre a riempire il locale di clienti ha visto comparire la notizia su tutti i gironali locali e nazionali e sulle tv, incluso il Tg3! Questo nonostante il periodo presentasse una cttà in ferie. E’ stata una grande azione coordinata di marketing che puoi conoscere cliccando qui.

Febbraio 2012 ha portato un altro evento di marketing speciale… il lancio del primo gelato BIO di Verona e Provincia, la Gelateria Snoopy ha introdotto questo prodotto esclusivo creando un caso di marketing speciale che ha coinvolto tutto il paese (San giovanni Lupatoto). Febbraio non è il mese più adatto per i gelati, tuttavia l’evento è stato un successo grazie a un’azione di marketing coordinata. Approfondimenti? Basta cliccare qui!

Marzo 2012 è stato il mese con la Fiera MBS, la business school di Open Source Management. Qui gli imprendiotri incontrano gli imprenditori, condividendo non solo una crescita personale, ma concretamente lo sviluppo del loro business scambiandosi offerte e clienti. Vuoi saperne di più, clicca qui!

Aprile 2012 ha visto lo sviluppo di un progetto di scambio di idee con la Vismaravetro, vero leader nelle cabine doccia di design. Si è trattato del lancio di una nuova tecnologia nella stampa su vetro, non una semplice serigrafia. Per lanciare questo nuovo servizio, si è creato un concorso tra designer che ha visto tra i premiati proprio gli studenti del Politecnico di Milano e la loro creatività. I ragazzi sono stati veramente fantastici, e questo progetto si è inserito in un’idea che dper Vismaravetro vedrà la luce nei mesi successivi, presentandosi al Salone dell’Arredo Bagno di Bologna. Se vuoi saperne di più, ti è sufficiente collegarti qui.

Maggio 2012 porta in primo piano il primo corso Marketing tenuto da Gianni Vacca. Anni di esperienza e quasi 300 progetti sviluppati si condensano in due giornate di condivisione uniche nella sede Open Source Management di Assago. Nello stesso mese ho l’onore di diventare socio di OSM1816, una divisione speciale di OSM. Se vuoi sapere di cosa si tratta, basta cliccare qui!

Giugno 2012 vede l’apertura di un nuovo punto vendita  a Pomezia: Fabrrica Occhiali. Anche questa volta il team marketing non si smentisce  e l’evento catalizza i media locali ed è un vero evento che coinvolge l’stituto d’arte di Pomezia rendendo i ragazzi i veri protagonisti, con l’Assessore alla Cultura che premia personalmente i migliori lavori di design e pubblicità. Una grande azione sociale che si traduce nel successo dell’evento di marketing. Vuoi scoprire qualcosa di più? Clicca qui.

Agosto 2012 ha visto la luce la prima opera editoriale di Gianni Vacca, il libro Webmarketing Start, scritto assieme ad Annalisa Trezza. Si tratta di un manuale per imprenditori che vogliono capire meglio che cos’è il webmarketing, un argomento che spsso viene trattato con un criptico linguaggio per programmatori. Nella sua versione online conquisterà il primo posto nelle classifiche di Itunes, davanti a un testo su Steve Jobs. Quasi un destino. Si aggiungerà presto la versione di “5 casi di successo”, dove delle semplici pratiche spiegano come trovare clienti e aumentare i fatturati in semplici e pratiche mosse. Nuovamente questo titolo si posiziona al primo posto su Itunes per diverse settimane. Potrai trovarli sia su Itunes che su Amazon (se hai un sistema windows ti serve questo!).

Settembre 2012 arriva con una conferma sull’efficacia di un’azione marketing continuativa per trovare clienti nel settore dell’elettronica. In un mercato che viaggia ad una media del meno 10% qualcuno riesce a crescere a doppia cifra. Si tratta di Trony Rigamonti Dalmine, che grazie alla cura (vera!) dei clienti si conferma anche nel 2012 in una positiva controtendenza. Il suo caso è raccontato nel volume “5 casi di successo“, lo puoi scoprire cliccando qui!

Ottobre 2012 è stato anch’esso particolare. Abbiamo avuto la conferma dalla Galbusera che è l’unica azienda del suo settore in crescita in un mercato che è in calo. Il contributo di marketing è stata un’analisi dei clienti, delle loro aspirazioni e un conseguente piano marketing specifico per gli spacci aziendali della Forneria Galbusera. Siamo stati primi a portare l’azienda sui social, scegliendo il territorio lombardo e raccogliendo oltre 5300 fan. Inoltre, il fondatore, il sig.Mario Galbusera, ha vinto l’Ambrogino d’oro nel 2012, a testimonianza della grande impresa che ha realizzato in Valtellina e in tutta Italia. E’ un onore collaborare in questi progett, ed essere una parte di questo successo! Vuoi saperne di più? Basta collegarti qui!

Novembre 2012 ha confermato un progetto partito qualche mese prima: il marketing in outsourcing. Una vera novità per venire incontro alle esigenze di marketing di aziende non ancora strutturate con una figura interna che si occupa di questa disciplina. Sì perchè è una disciplina, contrariamente a quanto si pensi non sempre è bene lasciarla in mano al primo che capita, al grafico o a un consulente tuttologo. Costruire specialisti marketing è una mission, a volte in azienda, a volte… esterni! Il progetto funziona, è in questo modo che si trovano clienti e si aumenta il fatturato! Se vuoi conoscerlo a fondo, rimani collegato a questo blog, ci saranno novità a breve!

Dicembre 2012 è dedicato a tutta l’attività in montagna, specialmente a Livigno con un cliente direi unico: Mottolino Fun Mountain. Assieme al titolare, Marco Rocca, abiamo costruito un progetto di marketing che negli anni è sempre cresciuto, arrivando nel 2012 a traguardi strepitosi: i fan della pagina Facebook in un anno hanno superato i 30.000, e il brand Mottolino si è posizionato al 10imo posto in Italia, superando anche le pagine di tante grosse aziende (e anche dell’ultimo film di batman). Oltre a questo, Mottolino ha vinto anche 3 Oscar a livello europeo per il suo snowpark. Tra questi 3 Oscar, uno è il “best Marketing“… quale migliore conclusione per il 2012? Se non sai cos’è Mottolino, beh, devi assolutamente vedere questo video

Non male per un solo anno, anche perchè questa è solo una parte dei progetti sviluppati da playmarketing.

Il vero segreto in realtà è uno: il team marketing. Devo ringraziare un grande gruppo OSM: Simona Lodolo che nonostante gli impegni c’è stata, Davide Gentile e Annalisa Trezza che hanno sviluppato le loro attività. E non meno Patrizia Lorusso e Jessica Giumarra che si sono unite proprio quest’anno per il progetto di marketing in outsourcing. E non è tutto qui! Ci sono anche molti professionisti coinvolti direttamente nei progetti di marketing… grazie ad Alessandra Galati, Riccardo Racci, Elisa Valt, Lorenzo Foti, Ugo Ravaioli, Giorgio Nicoli, Vulmaro Doronzo… e ce ne sarebbero molti altri. E’ stato un lavoro di gruppo, sempre. Questa è un’idea vincente!

E’ tempo di nuovi progetti, nuove strategie di marketing per trovare nuovi clienti, mantenerli e in generale aumentare i fatturati. Di sicuro la squadra marketing di OSM è pronta, se hai bisogno di un confronto, basta contattare Gianni Vacca

Nessun commento
5 / 327
1 2 3 4 5 10