CARICAMENTO

Seguimi

SEI UNICO? ESERCIZIO UTILE (1 DI 2)
2 novembre 2011|Marketing BasicMarketing Trend

SEI UNICO? ESERCIZIO UTILE (1 DI 2)

Si parla tanto di crisi. Ed è un dato reale, tangibile come l’aria che respiriamo. Non c’è casa o luogo di sosta in giro per il paese dove uno schermo o il nostro cellulare non ci passi l’ultimo calo della borsa in atto.

Questo dovrebbe farci mettere la testa nella sabbia se abbiamo un’attività? In realtà proprio quando tutto è incerto il valore di quello che facciamo acquisisce ancora più importanza. Cosa c’entra con il marketing? Marketing è per sua natura futuro e futuribile, e se sei tra quelli che vogliono “guardare avanti” dovresti prendertene cura.

Ho due esercizi per te e per la tua attività. Per permetterti di concentrarti su qualcosa di utile per il futuro, per tenere il timone nella tempesta… perchè la tempesta sta arrivando!

Oggi scrivo del primo…

Cavett Robert, un grande professore americano diceva spesso: “Non avere troppa fretta di promuoverti se non sei bravo in quello che fai. Altrimenti farai scoprire più velocemente al mondo che non sei all’altezza”. Un consiglio un po’ duro ma utile.

Proprio per questo, prima di scrivere o pensare a strategie complesse, è necessario avere il miglior messaggio promozionale che rappresenti realmente quello che di buono c’è in te e nella tua azienda.

E’ utile per riflettere su questo punto, in fondo se stai leggendo questo blog di certo hai a cuore la tua imprenditoriale, sia essa di un’azienda o tua “personale” (potrebbe non esserlo?).  Quello che hai alle spalle che è nato (e cresciuto) proprio sulla base di un gran prodotto e servizio.

Da qui ti volevo guidare su questo primo esercizio. Ti serve una connessione a internet (e ce l’hai, sei già su internet!), collegandoti al sito a www.google.it, o www.paginegialle.it (o in alternativa un volume delle pagine gialle cartaceo se vuoi fare questo esercizio in modalità un pò “vintage”).

Seleziona la categoria merceologica in cui opera la tua azienda (o una a tuo piacere) e prendi un pezzo di carta e una biro. Ora scrivi (riassumendole) tutte le “promesse“, le caratteristiche o i benefici che ogni azienda riporta nella sua breve descrizione che figura nella pagina dei risultati della ricerca. Quelle due o tre righe che sono subito sotto il nome dell’azienda (senza quindi entrare nei siti specifici delle varie aziende).

Inizia ad annotare tutte le frasi diverse, mentre, se si ripetono in modo simile aggiungi una “X” per contare quante volte si ripete quel concetto. Prova questo esercizio per un paio di pagine (web o cartacee che sia).

Hai completato una lista dei primi 20? Questo esercizio è utile per diversi motivi.

  1.  Il primo motivo è che Google (o anche le pagine gialle) sono il “luogopiù competitivo e difficile per promuovere la tua azienda e trovare clienti. In molti altri media che utilizzi la tua promozione non sarò così circondata dalla promozione degli altri concorrenti. Per esempio una tua brochure consegnata a mano, o anche una tua email avranno una esclusiva (seppur momentanea) attenzione. Ma su Google (o sulle pagine gialle) il tuo messaggio avrà subito prima e subito dopo tutti i messaggi dei diretti concorrenti. E qui solo i più forti sopravvivono e prosperano.
  2. Il secondo motivo è che si mette in evidenza qualcosa di impressionante: tutti dicono le stesse cose! Tutti inviano il medesimo messaggio ai clienti. Questo è profondamente sbagliato, perché ormai nel marketing non è più sufficiente farsi conoscere (bastava negli anni ’80 e ’90!), ora e sempre più è necessario bisogna farsi riconoscere!

Credo che se hai completato l’esercizio ti sarà chiaro come prima di tutto devi identificare una tua personale Proposta di Valore Unico. E’ questa la risposta a chi vuole vincere in questo mercato iper competitivo (e iper affollato di messaggi!). O altrimenti languire sul bordo di un tavolo a pensare al prossimo default finanziario.

Troverai molte citazioni su questo punto, tuttavia una volevamo riportartela da un mercato realmente iper competitivo. E’ di Coco Chanel, che guarda caso ha affrontato la crisi del 1929 e due guerre mondiali: “Per essere insostituibile uno deve sempre essere diverso”.

Ci hai mai pensato per te o per la tua azienda? Stai offrendo qualcosa di diversi dagli altri mentre parli di crisi?

Ci leggiamo presto con l’esercizio numero 2, e se nel frattempo ti serve aiuto su questo argomento, contattami!

Nessun commento
Condividi
Chi Sono
Ciao! Il mio nome è Gianni. Sono un progettista di Marketing e questo è il mio blog.
Iscriviti alla Newsletter


Consenso Privacy

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating application. Application has been deleted.
Type: OAuthException
Code: 190
Please refer to our Error Message Reference.